Restauro e conservazione a Venezia

852967248dd3e6cb3942a1fe6af42945_l
Infissi
agosto 1, 2016

Restauro e conservazione a Venezia

13f34e2b533e12c6166f88368dcd8c07_l

Perché restauro e conservazione?

Qual è la differenza tra i due interventi?

Ebbene restauro e conservazione non sono sinonimi, ma sottendono alla stessa idea: riportare qualcosa del passato alla sua gloria originale oppure, in altri termini, offrire un futuro migliore alle opere del passato.

Quale posto migliore di Venezia, città ricca di storia, per mettere in atto opere di restauro e conservazione? Qui lo spazio è limitato, non si può costruire nulla di nuovo; bisogna usare al meglio quello che già si ha a disposizione.

Conservare vuol dire mantenere il più possibile dell’originarietà e intervenire successivamente, se necessario, con opere di restauro.

Restaurare è l’atto di rimettere a nuovo o in buono stato un edificio o un oggetto mediante opportuni lavori.

Comprende l’attività della conservazione e la amplifica, ricostruendo parti rotte o rovinate; rimuovendo, dove necessario, alcuni elementi che sono stati aggiunti in seguito; e non hanno nulla a che vedere con il periodo storico del palazzo.alfier venezia

La differenza è abbastanza sottile, ma un esempio pratico può aiutare.

Un palazzo veneziano solitamente ha per pavimento il terrazzo alla veneziana in calce.

Per qualche motivo, dopo alcuni anni, nuovi proprietari decidono di ricoprirlo con del parquet. Passano gli anni, cambiano i proprietari, fino a quando si decide di restaurare il piano del palazzo. Facendo i lavori ci si accorge che sotto il parquet c’è il terrazzo alla veneziana originario; quindi si decide di riportarlo in auge.

Ecco un esempio di conservazione e restauro: elimino il parquet che non ha nulla a che vedere con il contesto veneziano, riporto alla luce il terrazzo, lo tratto adeguatamente in modo da portarlo al suo stato originario e dove necessario intervengo restaurandolo, usando materiali delle stesse caratteristiche fisico-chimiche (se il terrazzo è in calce lo restaurerò usando la calce e non altri materiali).salute1

Il restauro non è la conservazione e viceversa.

Esiste nel pensiero moderno del restauro una forte connettività fra restauro e conservazione, anche se ovviamente la conservazione non implica necessariamente il restauro, il restauro invece dovrebbe sempre seguire finalità anche conservative. 

Restaurare e conservare ci permette di godere delle magnifiche opere che hanno fatto i nostri predecessori, ci permette di apprezzare e di conoscere come venivano fatte le cose quando non c’erano la tecnologia e la scienza ad assisterci; ci permette di riscoprire usanze che erano di moda a quel tempo.
Di capire come ragionavano le semplici persone come noi quando dovevano svolgere anche i più semplici dei lavori.

Se ci pensiamo, bisogna essere veramente artisti per fare un affresco su una parete o su un soffitto; avendo a disposizione solo un cavalletto e le proprie gambe per allontanarsi e avvicinarsi al dipinto. Per vedere se si sono mantenute o meno le proporzioni e se ha senso nel contesto in generale; oppure per creare una statua da un blocco di marmo, li si può solo togliere e bisogna essere in grado di capire quando fermarsi per fare un braccio o il drappo di un vestito.

Oppure, ancora, per creare un palazzo con facciate di marmo senza avere a disposizione gru per sollevare i pesanti blocchi; o senza avere strumenti di precisione per posizionare quel blocco al posto giusto altrimenti ne andava della stabilità dell’edificio.restauro e conservazione

Oggi noi abbiamo la tecnologia che ci aiuta in tutto questo

Ma una volta no, le persone dovevano sapere veramente quello che facevano, non c’era spazio per sbagliare anche perché le cose erano fatte per durare nel tempo.

Quante volte abbiamo sentito di opere moderne che con le prime intemperie sono andate rovinate.

Oppure, nonostante la tecnologia, modelli matematici etc. un edificio, un ponte e molte altre costruzioni sono instabili ed hanno continuamente bisogno di manutenzione.

Grazie al restauro e alla conservazione si può ancora godere delle opere del passato, della loro stabilità e resistenza e fare in modo che durino per molti altri anni a venire.

 

Giovanni Alfier 

Restoring the Past for a Better Future.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi